"Travel Smart" è una campagna globale guidata da Transport & Environment (T&E) all'interno di una coalizione di partner in Europa, Nord America e Asia che mira a ridurre le emissioni dei viaggi aerei aziendali, come il modo più efficace per ridurre significativamente gli impatti climatici dell'aviazione nell'attuale decennio.

Ridurre le emissioni dei viaggi aerei aziendali di 50% o più rispetto ai livelli del 2019.

La campagna arriva in un momento cruciale per la direzione del volo d’affari, poiché i viaggi aerei sono stati riaperti dopo la pandemia. Per il decennio critico fino al 2030, il modo migliore per ridurre le emissioni del trasporto aereo è volare di meno, poiché i tempi per l’incremento dei carburanti sostenibili e degli aerei a emissioni zero sono attualmente successivi al 2030 e la compensazione si è rivelata inefficace.

Pertanto, l’obiettivo principale della campagna è ridurre le emissioni dei viaggi aerei aziendali di 50% o più rispetto ai livelli del 2019. Ciò può anche inviare segnali all’industria e ad altri attori e contribuire a innescare cambiamenti che contribuiranno ad accelerare l’innovazione e lo sviluppo delle tecnologie pulite. L’aviazione sostenibile è possibile e volare meno adesso può dare un grande contributo per imboccare la strada giusta.

Crediamo che le aziende abbiano un’opportunità unica per guidare questo cambiamento. I viaggiatori d’affari rappresentano circa 12% di passeggeri, ma fino a 75% di ricavi su determinati voli, quindi le loro scelte hanno un’influenza importante sul settore dell’aviazione. 

Dato il significativo potere d’acquisto e leva finanziaria delle aziende, le imprese hanno ora un’opportunità unica di influenzare l’accelerazione dell’aviazione sostenibile e il miglioramento dei servizi ferroviari, riducendo i voli e dando voce alla domanda di opzioni di viaggio pulite.

Consumatori, investitori e dipendenti sono più preoccupati che mai dagli impatti dei cambiamenti climatici. Se le aziende non sono al passo con le aspettative, la loro reputazione è a rischio. Dimostrare un impegno per la sostenibilità e adottare politiche di viaggio rispettose del pianeta migliorerà la loro immagine, l’attrattiva e il successo complessivo.

È tempo che i leader e i dipendenti aziendali innovino le loro pratiche, adattando le politiche aziendali al nuovo paradigma di volare meno e ottenere di più. Anche i governi hanno un ruolo in questa tendenza che è destinata a durare.

Maggiori informazioni sulla campagna

Tra il 2005 e il 2019, il traffico aereo in Europa è cresciuto di 67%, provocando un aumento delle emissioni in un momento in cui avrebbero bisogno di diminuire – e si prevede che le emissioni aumenteranno di ulteriori 38% entro il 2050. Questa situazione deve finire.

Dobbiamo quindi agire ora se vogliamo ridurre le emissioni del trasporto aereo entro il 2030 ed eliminare il suo impatto sul clima entro il 2050. Il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici ha chiesto tagli rapidi e profondi, con i prossimi tre anni cruciali, e una riduzione a lungo termine trasporto aereo che offre il massimo potenziale per evitare emissioni.

Nell’attuale contesto di urgenza di ridurre la dipendenza dal petrolio, uno dei modi più fattibili per farlo è mantenere i livelli di volo più bassi sperimentati durante la pandemia. Della riduzione di 64,4 Mtep del consumo totale di petrolio dell’UE nel 2020 rispetto al 2019, 37% sono dovuti al calo dell’aviazione internazionale, nonostante rappresentino solo 6,3% del consumo di petrolio per i trasporti. Il piano in 10 punti dell’Agenzia Internazionale per l’Energia per ridurre l’uso di petrolio evidenzia il contributo significativo che possono dare la riduzione dei voli d’affari e l’uso dei treni ad alta velocità invece degli aerei per i viaggi d’affari.

I frequent flyer – meno di 1% della popolazione mondiale – sono responsabili di oltre 50% delle emissioni del trasporto aereo. I viaggi aziendali sono uno dei maggiori motori della domanda di trasporto aereo. Se lo riducessimo di 50%, si ridurrebbero le emissioni di 32,6 MtCO2 entro il 2030 in Europa, il che equivale a togliere dalla strada 16 milioni di auto inquinanti. Volare in modo più intelligente è qualcosa che tutti possiamo fare facilmente. L’idea di inviare lavoratori ai quattro angoli del pianeta appare sempre più superata e inefficiente.

Non si tratta di smettere di volare, ma di volare di meno e ottenere di più. Possiamo ridurre i voli frequenti, sostituire i voli aziendali a lungo raggio con la collaborazione virtuale e passare dai viaggi aerei regionali alla ferrovia ad alta velocità.

"Travel Smart" è una campagna globale guidata da Transport & Environment (T&E) all'interno di una coalizione di partner in Europa, Nord America e Asia.

Guarda i nostri partner

Il ranking Travel Smart classifica 322 aziende statunitensi, europee e indiane in base a 10 indicatori, relativi alle emissioni dei viaggi aerei, agli obiettivi di riduzione e al reporting. I migliori viaggiatori a livello mondiale provenienti dai 17 paesi della classifica rappresentano una parte considerevole dei viaggi d'affari in tutto il mondo. L’analisi mette in luce gli sforzi significativi che alcune aziende globali devono ancora compiere per ridurre le emissioni dei viaggi aziendali. Alle aziende viene assegnato un grado A, B, C o D. Nell'edizione di quest'anno della classifica, 11 aziende si sono qualificate per la valutazione A, 38 per la B, mentre la stragrande maggioranza (212) ha ricevuto una C e 61 aziende hanno visto una D accanto al proprio nome.

Consumatori, investitori e dipendenti sono più preoccupati che mai dagli impatti dei cambiamenti climatici. Se le aziende continuano a non essere al passo con le aspettative, la loro reputazione è a rischio. Dimostrare un impegno per la sostenibilità e le emissioni nette pari a zero e adottare politiche di viaggio rispettose del pianeta migliorerà la loro immagine, l’attrattiva e il successo complessivo come azienda.

La classifica della campagna porta l'impatto dei viaggi aziendali e dei voli a lungo raggio nella sfera pubblica. Incentiva il cambiamento stabilendo parametri di riferimento sulle emissioni dei viaggi aziendali e lavora per migliorare la trasparenza necessaria per monitorare i progressi. 

Le aziende possono sfruttare l’opportunità unica di influenzare l’accelerazione dell’aviazione sostenibile e di ridurre le emissioni aziendali, sviluppando una politica basata su obiettivi, aprendo la strada al raggiungimento del dimezzamento delle emissioni globali necessario entro il 2025.

La campagna mette in contatto i leader aziendali con gli strumenti necessari per consentire il cambiamento, migliorare la propria posizione, innovare le proprie politiche e investire nella propria reputazione. E anche i governi dovrebbero fare la loro parte per garantire che gli obiettivi sui viaggi aerei siano richiesti nei piani aziendali sul clima e nella rendicontazione delle emissioni.

Condividendo storie di aziende che si sono già adattate ai cambiamenti e ne hanno constatato i vantaggi, la campagna ispira le aziende e i loro dipendenti a introdurre una nuova cultura di viaggi aziendali mirati ed efficaci, creando slancio attraverso le loro reti per creare un cambiamento duraturo.

Unisciti a noi nel viaggio verso
Travel Smart .

CALCIO
Eurocoppa 2024